TRIVELLAZIONI: IL GOVERNO DA’ L’OK ALLA SPECTRUM GEO PER L’AIR-GUN NELL’ADRIATICO

governo air-gun adriaticoMentre in Parlamento combattiamo un giorno sì e l’altro pure contro la scandalosa pratica dell’air-gun, il Pd se la compagine governativa renziana se la ridono sotto i baffi e danno l’ok alla società Spectrum Geo di utilizzare il mare Adriatico come fosse il salotto di casa propri in tema di ricerche petrolifere. Lo scorso 3 giugno, come prontamente ha reso noto il Forum H2O, è stato adottato con prescrizioni, nonostante i pareri negativi di diverse regioni, il decreto di compatibilità ambientale (Via) per i progetti di prospezione per la ricerca di idrocarburi presentati dalla società Spectrum Geo. Le aree interessate sono immense, collocate nel Mare Adriatico centrale e meridionale (Emilia-Romagna, Marche, Abruzzo, Molise, Puglia) ed hanno un’estensione di 14.128 Km2 e 16.169 Km2, pari a tre volte l’Abruzzo. La storia è fin troppo nota: per la sua attività di prospezione, la società in questione utilizzerà la tecnica dell’air-gun.

Guarda caso l’approvazione del decreto avviene ad un mese dal diktat di Renzi che ha preteso l’esclusione dell’air-gun dal disegno di legge “ecoreati” dopo le tambureggianti pressioni di Confindustria e di tante multinazionali del petrolio. E’ noto come questa pratica abbia effetti devastanti sulla fauna ittica, visto che si tratta di potentissime esplosioni in mare aperto. Questo nonostante tre regioni, vale a dire le Marche, l’Abruzzo e la Puglia, si sono ripetutamente opposte al ministero dell’Ambiente di fronte al disco verde per questo tipo di operazioni. La speranza è che le stesse, insieme alle altre interessate, arrivino al più presto ad impugnare il provvedimento prima che sia troppo tardi: non vogliamo che il governo Renzi prosegua nella sua opera di svendita dei nostri mari secondo logiche che fanno arricchire non si sa bene chi e le quali ci danno in dotte danni ambientali irreversibili. Il tutto, va precisato, nel consueto silenzio totale della stampa nazionale sulla faccenda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.