TRATTA ROMA-ANCONA FERMA AGLI ANNI ’90 TRA DISAGI E TRENI OBSOLETI. PRESENTATA INTERROGAZIONE

TRENI ANCONAChi vive di treni locali o regionali ha una compagna di viaggio che, di solito, non lo abbandona mai: la pazienza. Disagi, ritardi, convogli vecchi ed obsoleti: la situazione del trasporto ferroviario locale è nota a tutti. In un rapporto di Legambiente che verrà pubblicato a gennaio, è stata stilata la top ten delle peggiori linee ferroviarie d’Italia. Al 9° posto, figura la tratta Orte-Fabriano, segmento centrale della strada ferrata che collega Roma ad Ancona. Chi percorre abitualmente questa linea è costretto a un vero e proprio martirio, perché il servizio è tra i più scadenti: treni malmessi e sporchi, ritardi spesso nell’ordine di ore, problemi di ogni sorta legati al binario unico per diversi km. Eppure questa tratta ha un’importanza strategica inestimabile: è l’unica diretta che taglia l’Appennino collegando l’Adriatico e il Tirreno. Inoltre, è la linea che collega con Orte la tratta Roma-Firenze a quella Adriatica con Falconara Marittima. C’è pure lo snodo importante per una città capoluogo come Perugia nel cambio a Foligno, che non va dimenticato. Insomma, un percorso che andrebbe valorizzato e reso all’avanguardia, ma che al contrario vive in uno stato di totale abbandono: tra Ancona e Roma, se si sale su un regionale veloce, il tempo sembra essersi fermato ai primi anni ’90. Il raddoppio della tratta Spoleto-Campello, avviato 15 anni or sono,  tra fallimenti e ritardi è ancora al palo. Così come quello della Foligno-Fabriano, rimasto di fatto solo su carta. Senza contare poi che tra Orte e Roma nelle ore di punta si accumulano ritardi di riflesso per i disagi che si creano sull’arteria Firenze-Roma: una tortura per migliaia di pendolari. A tal proposito, ho presentato al ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Delrio un’interrogazione per capire se questa linea ferroviaria è ormai da annoverare come materiale da museo o se il governo ha intenzione di metterci mano, coinvolgendo le regioni interessate. Marche e Umbria sono regioni già di per sé collegate molto male a livello stradale, e i treni, con un servizio decente, potrebbero togliere diverse auto dalle tortuose strade appenniniche. Inoltre, questa linea è decisiva anche per il trasporto merci. Ho chiesto anche un cronoprogramma certo sugli interventi: vedere cantieri fermi lì da un ventennio è uno scempio da paese non civile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.