Home / Attività parlamentare / L’Ue su spinta della Germania blocca fondi per ricostruzione post-sisma. Gentiloni batti un colpo
L’Ue su spinta della Germania blocca fondi per ricostruzione post-sisma. Gentiloni batti un colpo

L’Ue su spinta della Germania blocca fondi per ricostruzione post-sisma. Gentiloni batti un colpo

sisma

L’atteggiamento ridicolo e menefreghista del governo italiano nei confronti delle aree colpite dagli eventi sismici si allarga ora all’Europa: il Consiglio europeo, in sede di Coreper, non ha trovato un accordo sul dossier “disastri naturali” per finanziare la ricostruzione attraverso il fondo europeo di sviluppo regionale. Il motivo principale? Il naso storto dei rappresentanti tedeschi, spalleggiati da quelli inglesi, austriaci, olandesi, finlandesi, svedesi e danesi. Tradotto in parole povere, ciò significa al momento blocco (parziale o totale è tutto da stabilire) degli stanziamenti europei per avviare la ricostruzione nei comuni appenninici sventrati dal sisma. Una decisione sconcertante, che vede però al solito l’Italia fare spallucce e rimettersi a cuccia nei confronti della Germania che ormai fa da padre padrone del Vecchio Continente ogni giorno di più. Dopo lo scandalo del ristorante di Pieve Torina “Il Vecchio Molino”, creditore con lo Stato per 150 mila euro, l’esecutivo Gentiloni inanella un’altra figura barbina nei confronti delle popolazioni del Centro Italia. Ho presentato subito un’interrogazione parlamentare: stavolta Gentiloni deve piantarla di fare la gatta moscia e battere un colpo, non si può giocare con la pelle delle persone con questa faciloneria disarmante.

Qualcuno ha più notizie – prosegue – di Vasco Errani? Se prima si autocensurava, ora che è fuori del Pd viene censurato dallo stesso governo che lo ha piazzato a dirigere le operazioni della ricostruzione. Il lassismo di questo esecutivo nei confronti di questo disastro che ha colpito decine di migliaia di cittadini è imbarazzante: con l’aiuto dell’Europa o no, ci sfiateremo perché venga rimessa in piedi fino all’ultima pietra caduta. Dopo nove mesi di scempiaggini ne abbiamo viste abbastanza, e siamo oltretutto stufi di vedere a livello internazionale l’Italia fare da scendiletto della Germania. Sveglia Gentiloni: è ora.

Scroll To Top