I dati della situazione Sanitaria del territorio compreso nei comuni di Castelraimondo, Gagliole e San Severino Marche ottenuti mediante richiesta di accesso agli atti presso l’Istituto Superiore di Sanità sono stati resi pubblici nella mattinata di sabato 15 febbraio durante una conferenza stampa aperta ai cittadini. Ho voluto organizzare questa conferenza per mettere in mano agli enti locali un documento che dovrà diventare la base per intraprendere un serio monitoraggio ambientale che nessuno in 40 anni di attività del cementificio ha mai richiesto.

Nella relazione di accompagnamento dei dati, redatta dall’Istituto Superiore di Sanità, si legge chiaramente che “Come si evince dalla Tabella 1, relativa alle suddette cause di decesso si evidenziano, tra i residenti nella area selezionata, eccessi di mortalità per tutti i tumori negli uomini  e di Linfomi non Hodgkin nelle donne. La Tabella 2 relativa alle ospedalizzazioni mostra nelle persone ricoverate di genere maschile  degli eccessi di ospedalizzazione per i tumori maligni nel loro complesso ed in particolare : Tumori maligni del rene e di altri non specificati organi urinari, Tumori maligni del tessuto linfatico ed emopoietico (in particolare Linfomi non Hodgkin e Malattia di Hodgkin). Tra le donne emergono degli eccessi per le ospedalizzazioni per il complesso delle cause indagate e per Malattia di  Hodgkin”. Nelle conclusioni viene invece riportato che “Il profilo di mortalità  e di ospedalizzazione delle persone residenti nei tre comuni oggetto di richiesta mostra per alcune patologie specifiche, selezionate in base ad una evidenza a priori di associazione rispetto alla  presenza di impianti di incenerimento, eccessi di rischio rispetto alla Regione Marche presa come riferimento”.

Questo naturalmente non permette di individuare nel cementificio la causa di questi eccessi di mortalità e ospedalizzazioni evidenziati dallo studio dell’Istituto. Per questo in precedenza avevamo chiesto l’organizzazione di un tavolo istituzionale invitando i Sindaci dei comuni coinvolti, il Presidente della Regione e della Provincia di Macerata, il responsabile ARPAM della Provincia di Macerata e il Presidente della Comunità Montana Ambito 4. Quella doveva essere l’occasione per comunicare i dati ottenuti e avviare un processo costruttivo per realizzare un monitoraggio ambientale in grado di stabilire il rapporto causa-effetto.

Quindi le cose da fare a questo punto, e che chiediamo vengano realizzate al più presto, sono tre:

– Avviare una serie indagine ambientale che coinvolga almeno i territori dei tre comuni e che consenta di individuare la o le fonti di inquinamento che hanno e stanno provocando al situazione riportata sui dati sanitari

– Chiedere alle aziende ospedaliere una collaborazione che consenta di individuare in maniera puntuale per i singoli comuni i dati delle ospedalizzazioni e delle mortalità per capire come i dati riportati dallo studio dell’ISS siano concretamente distribuiti

– Avviare il registro tumori regionale

Qualcuno ha provato a mettere in discussione i dati da me resi pubblici perché diversi da quelli prodotti in un documento redatto dall’ARPAM sulla base di fonti ASUR. Tengo a precisare che i due documenti non possono essere confrontati in quanto in quello regionale non si tiene in considerazione il Comune di San Severino e in quanto i coefficienti statistici utilizzati sono differenti. Comunque ci stiamo organizzando per fissare un nuovo incontro con i cittadini che dovrà svolgersi nei prossimi mesi e al quale sarà chiamato a partecipare anche un rappresentante dell’Istituto Superiore di Sanità che potrà chiarire eventuali questioni rimaste in sospeso.

La grande partecipazione dei cittadini e l’attenzione dimostra dagli organi di stampa sono il chiaro segnale che qualcosa anche su questo fronte sta cambiando. Speriamo che la nostra azione serva da stimolo per tutti gli attori coinvolti.

Il MoVimento 5 Stelle è appunto un movimento apartitico fatto di cittadini e in quanto tali ci preoccupiamo della salute delle persone.

Noi continueremo mediante azioni Parlamentari e attività sul territorio a monitorare la situazione e a pretendere chiarezza e trasparenza.  

Qui sotto la risposta dell’Istituto Superiore di Sanità alla mia richiesta:

ISS 2 ISS 3 ISS 4

1 thought on “DATI EPIDEMIOLOGICI DEL TERRITORIO COMPRESO TRA CASTELRAIMONDO, GAGLIOLE E SAN SEVERINO MARCHE.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.