Home / Attività parlamentare / Caso Listeria nelle Marche: il Ministero non esclude nuovi casi in regione
Caso Listeria nelle Marche: il Ministero non esclude nuovi casi in regione

Caso Listeria nelle Marche: il Ministero non esclude nuovi casi in regione

listeria

Sui casi relativi alla Listeria Mitocytogenes arrivano notizie piuttosto allarmanti sulla regione Marche. Nel rispondere a una mia interrogazione presentata mesi fa, il ministero della Salute ha confermato: la contaminazione c’è stata, ed essendo la listeriosi di lenta incubazione, non è escluso che in futuro possano verificarsi nuovi ricoveri. Come è noto, nell’ultimo biennio nella nostra regione si sono registrati ben 24 casi di questa tossinfezione che colpisce con particolare violenza persone immunodepresse, che ha portato a sette decessi. Dai primi controlli effettuati dai dipartimenti di prevenzione dell’Asur locale è stata rintracciata la contaminazione in diversi campioni di coppa di testa prodotti dal Salumificio Monsano. Così due mesi fa abbiamo chiesto al Ministero di prendere in mano la situazione e di effettuare ulteriori verifiche, che hanno purtroppo confermato i nostri timori: la contaminazione non era una bufala, ma un fenomeno nemmeno troppo circoscritto.

 

In base al rapporto dell’Istituto Zooprofilattico di Teramo, il 30% dei campioni ambientali della azienda agroalimentare in questione risulta contaminato, e si sta quindi provvedendo alla tipizzazione dei ceppi. Inoltre, i campioni di coppa di coppa di testa sono risultati tutti contaminati. Si sta procedendo dunque a un’ulteriore verifica sull’origine e la qualità delle materie prime. Dal canto nostro, apprendiamo con soddisfazione che il Ministero abbia imbastito numerosi tavoli tecnici per risolvere il problema. Però chiediamo ulteriori sforzi soprattutto sulla tracciabilità dei prodotti: non si può attendere oltre. Oltre alla salute dei cittadini, c’è in gioco anche un segmento importante dell’economia marchigiana.

Scroll To Top