Carta_tipi_delle_unita_fisi

Giovedì 13 novembre in Commissione Ambiente finalmente risponderanno a una mia interrogazione depositata il 21 dicembre del 2013. E’ un quesito che ho rivolto al Ministro dell’Ambiente in seguito alla partecipazione alla Conferenza Nazionale delle Aree protette tenutasi a inizio dicembre 2012 e durante la quale alcuni amministratori avevano lamentato la mancata predisposizione della Carta della Natura che in base alla legge 394 del 1991 doveva essere la base sulla quale elaborare i piani triennali di gestione delle aree protette.

Oltretutto per questo progetto la legge metteva a disposizione ben 20 miliardi delle vecchie lire per il triennio 1992-1993-1994.

Visto che ancora oggi la Carta della Natura non ha visto la luce chiedo di sapere quanti fondi sono stati utilizzati, cosa è stato fino ad oggi prodotto e le tempistiche previste per la fine del progetto.

Nella speranza di ricevere una risposta degna di essere chiamata tale.

TESTO DELL’INTERROGAZIONE 

Al Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare. — Per sapere – premesso che: l’articolo 3, comma 3, della legge quadro delle aree naturali protette n. 394 del 1991 ha introdotto il progetto «Carta della Natura» che doveva essere predisposta dai servizi tecnici nazionali con lo scopo di individuare lo stato dell’ambiente naturale in Italia, evidenziando i valori naturali e i profili di vulnerabilità territoriale; tale strumento, nell’intenzione del legislatore, doveva servire per l’elaborazione dei piani triennali previsti dall’articolo 4, comma 1, e al Comitato istituito al comma 1 dell’articolo 3 della legge n. 394 del 1991 per identificare le linee fondamentali dell’assetto del territorio dei parchi; con il decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, il Comitato per le aree protette viene soppresso e le sue funzioni trasferite alla Conferenza Stato-regioni e con decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112, è soppresso il programma triennale per le aree naturali protette; per la produzione di questo progetto era stata autorizzata la spesa di lire 5 miliardi nel 1992, lire 5 miliardi nel 1993 e lire 10 miliardi nel 1994; sul sito dell’ISPRA è possibile consultare solo i documenti riferiti alle regioni Veneto e Friuli Venezia Giulia e per il parco naturale Paneveggio – pale di S. Martino; ad oggi in generale i parchi non hanno potuto avvalersi di questo strumento che dovrebbe rappresentare la base per la programmazione delle loro attività –: se il Ministro sia a conoscenza di questa carenza; quale sia lo stato di avanzamento dell’elaborazione di questo documento e in maniera ragionevole quali tempistiche possano essere previste per la sua completa elaborazione e diffusione; a quanto ammonti ad oggi la spesa per l’elaborazione di questo documento.

[button color=”green” size=”big” link=”http://banchedati.camera.it/sindacatoispettivo_17/showXhtml.Asp?idAtto=11781&stile=7&highLight=1&paroleContenute=%27INTERROGAZIONE+A+RISPOSTA+IN+COMMISSIONE%27″ ]TESTO INTERROGAZIONE[/button]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.