Birra al glisofato: i consumatori vanno tutelati e vogliamo vederci chiaro. Presentata interrogazione

birra glisofato

Il glisofato, diserbante classificato dallo IARC come possibile cancerogeno per i nostri organismi, è entrato mestamente a far parte delle nostre vite. Nonostante ai più rimanga ancora sconosciuto, si tratta di una sostanza estremamente pericolosa. In Germania si stanno affrettando a smentire la notizia della forte presenza di glisofato nelle più note marche di birra tedesche per attenuare il rischio di una nuova ecatombe economica dopo il caso Volkswagen, ma i dati parlano chiaro: questa infausta sostanza nella birra c’è, e in caso di consumo abbondante i pericoli sono evidenti.

L’unione dei coltivatori tedeschi addossa la colpa della presenza del glifosato all’importazione di malto d’orzo principalmente da Francia, Danimarca e Gran Bretagna. In Germania, al contrario, l’utilizzo del diserbante è vietato nella fase di trattamento che precede la raccolta dell’orzo. Inizia il classico gioco europeo dello scaricabarile. Le chiacchiere però stanno a zero: Beck’s, Paulaner, Warsteiner, Krombacher, Oettinger, Bitburger, Veltins, Hasseroeder, Radeberger, Erdinger, Augustiner, Franziskaner, König Pilsener e Jever presentano livelli alti di glisofato, con valori oscillanti tra 0,46 e 29,74 microgrammi per litro. Paranoie inutili, si affrettano a dire in molti. Noi però vogliamo vederci chiaro, e proprio oggi ho depositato un’interrogazione parlamentare insieme ai miei colleghi Chiara Gagnarli e Mirko Busto, per chiedere risposte certe sul caso.

Vogliamo inoltre sapere quali controlli vengono eseguiti sul malto d’orzo e sul luppolo, anche importati, per la produzione delle birre di produzione italiana e in modo specifico circa la presenza di residui di prodotti chimici quali i diserbanti. Inoltre, se il problema c’è, i consumatori vanno in qualche modo tutelati e se alcuni prodotti sono pericolosi vanno ritirati immediatamente. Non può sempre passare tutto in cavalleria.

[button color=”black” size=”medium” link=”http://aic.camera.it/aic/scheda.html?numero=3/02057&ramo=CAMERA&leg=17″ ]IL TESTO DELL’INTERROGAZIONE[/button]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.