Home / Attività parlamentare / Addio alla Forestale, prime magagne: a rischio il servizio antincendio boschi
Addio alla Forestale, prime magagne: a rischio il servizio antincendio boschi

Addio alla Forestale, prime magagne: a rischio il servizio antincendio boschi

forestale

Che la mesta fine del corpo forestale dello Stato avrebbe portato a una serie di lacune per quanto riguarda il servizio sui territori ne eravamo talmente certi che per 18 mesi siamo andati in giro per tutta Italia a ripeterlo a destra e a manca. Ora però che il disegno assurdo e insensato del testo “griffato” da Marianna Madia è diventato effettivo e che, di fatto, il CFS è ormai materiale per i libri di storia, ecco le prime magagne affiorare con tutta la loro veemenza.  Il Servizio Antincendio Boschivo (S.A.B.) del Corpo Forestale dello Stato, ora che le competenze di questa forza di polizia sono state disperse nei meandri dell’Arma dei Carabinieri, rischia infatti di venir meno.

Ogni anno assistiamo impotenti alla devastazione degli incendi che divorano le nostre aree verdi e soffocano le comunità locali. Una situazione che potrebbe peggiorare a causa di questo ulteriore depotenziamento dei servizi di prevenzione e contrasto degli incendi boschivi provocato dallo scioglimento del Corpo Forestale dello Stato. Sono questi i primi drammatici effetti della riforma della Pubblica Amministrazione voluta dal Governo Renzi e fatta passare indisturbata da Gentiloni ai danni del territorio e del nostro patrimonio ambientale e agroalimentare. Per questo, su iniziativa dei colleghi della commissione Politiche Agricole della camera, come M5S abbiamo presentato un’interrogazione perché venga fatta subito estrema chiarezza.

In base all’organizzazione dell’A.I.B., le forze sul campo dovrebbero essere le seguenti: 33 unità in Abruzzo, 21 in Basilicata, 31 in Calabria, 13 in Campania, 15 in Emilia Romagna, 4 in Friuli Venezia Giulia, 97 nel Lazio, 16 in Liguria, 18 in Lombardia, 7 nelle Marche e nel Molise, 12 in Piemonte, 22 in Puglia, una in Sardegna, 36 in Toscana, 18 in Umbria e 39 in Veneto. Allo stato attuale e in base alle prime direttive del capo del corpo, le forze certe di prender parte al servizio antincendio sono assai più esigue, e in molte regioni probabilmente non ci saranno unità impegnate in tal senso.

Vista la peculiarità di tante aree del nostro paese, si tratta di un’assurdità totale. Che va chiarita (e scongiurata) quanto prima.

TRE ANNI A LOTTARE CONTRO L’ABOLIZIONE STORIA DI UN’ASSURDITA’
Scroll To Top